sabato 15 dicembre 2018

L'OMO SAPIENS E' AFRICANO



IRINGA
Una nuova ricerca da parte di un archeologo dell'Università di Alberta potrebbe portare a un ripensamento su come, quando e da dove i nostri antenati hanno lasciato l'Africa. Le ricerche di Pamela Willoughby nella regione di Iringa, nel sud della Tanzania, hanno prodotto fossili e altre prove che documentano l'inizio della nostra specie, l'Homo sapiens.

La sua ricerca, pubblicata di recente sulla rivista Quaternary International, potrebbe essere la chiave per rispondere alle domande sulla prima occupazione umana e sulla migrazione dall'Africa tra 60.000 e 50.000 anni fa, che ha portato gli umani moderni a colonizzare il mondo.

DOTT. SSA PAMELA WILLOUGHBY, CAPO-SPEDIZIONE,
CON UNA GROSSA SELCE DEL MAGUBIKE
Da due siti, Mlambalasi e il vicino Magubike, lei e i membri del suo team, il progetto archeologico della regione di Iringa, hanno scoperto manufatti che descrivono la continua occupazione umana tra i tempi moderni e almeno 200.000 anni fa, anche durante un periodo tardo dell'era glaciale in cui si verificò una quasi estinzione della razza umana, detto "collo di bottiglia genetico".

Ora, Willoughby e il suo team stanno lavorando con gli amministratori della regione per sviluppare quest'area dell'ecoturismo, per assistere economicamente la regione e creare incentivi per proteggere la sua storia archeologica. "Alcuni di questi siti hanno segni che le persone li usavano a partire da circa 300.000 anni fa, anzi, sono ancora in uso oggi", ha detto. "Ma l'idea di un'occupazione umana così antica conservata in alcuni di questi posti è davvero notevole."

Da due siti, Mlambalasi e il vicino Magubike, lei e i membri del suo team, il progetto archeologico della regione di Iringa, hanno scoperto manufatti che descrivono la continua occupazione umana tra i tempi moderni e almeno 200.000 anni fa, anche durante un periodo tardo dell'era glaciale in cui si verificò una quasi estinzione della razza umana, detto "collo di bottiglia genetico".

Ora, Willoughby e il suo team stanno lavorando con gli amministratori della regione per sviluppare quest'area dell'ecoturismo, per assistere economicamente la regione e creare incentivi per proteggere la sua storia archeologica. "Alcuni di questi siti hanno segni che le persone li usavano a partire da circa 300.000 anni fa, anzi, sono ancora in uso oggi", ha detto Pamela. "Ma l'idea di un'occupazione umana così antica conservata in alcuni di questi posti è davvero notevole."

Magubike: casa di una moderna famiglia dell'età della pietra? Willoughby dice che una delle cose più affascinanti di Magubike è la presenza di un grande rifugio roccioso con un tetto a strapiombo intatto. Gli scavi hanno portato alla luce antichi manufatti e fossili senza precedenti. I campioni del sito risalgono alle prime fasi della mezza età della pietra fino all'età del ferro. I primi depositi includono denti umani e artefatti come ossa di animali , conchiglie e migliaia di strumenti in pietra a fiocchi.

DOTT.SSA KATIE BIITTNER ARCHEOLOGA
I reperti dell'età del ferro possono essere datati utilizzando il radiocarbonio, ma i depositi più vecchi devono passare attraverso processi più specializzati, come la risonanza dello spin dell'elettrone, per determinare la loro età. Altre parti del riparo di roccia di Magubike, scavate nel 2006 e nel 2008, comprendono occupazioni di età media della pietra. Presi insieme, questa informazione potrebbe essere cruciale per seguire lo sviluppo evolutivo degli abitanti.

 "Ciò che è importante nell'intera sequenza è che possiamo avere una registrazione continua di occupazione umana", ha affermato Willoughby. "Se lo facciamo, e possiamo dimostrarlo attraverso queste tecniche di appuntamenti speciali, allora abbiamo un posto dove la gente vive oltre il collo di bottiglia".

Il team ha realizzato risultati simili a Mlambalasi, a circa 20 Km da Magubike. Tra i reperti di questo sito c'era uno scheletro umano frammentario che risale probabilmente all'ultima era glaciale del Pleistocene, dopo l'espansione dell'Africa ma alla fine del periodo di collo di bottiglia. La teoria del collo di bottiglia spiega ciò che i genetisti hanno trovato studiando il DNA mitocondriale delle persone viventi: che tutti i non-africani discendono da un lignaggio di persone che hanno lasciato l'Africa circa 50.000 anni fa.

MAGUBIKE
Ricostruzioni di ambienti passati attraverso pollini e altri documenti archeologici di Iringa suggeriscono che le persone abbandonarono le zone di pianura, tropicali e costiere durante quel periodo, ma rimasero negli altipiani, dove la vegetazione è rimasta per lo più invariata negli ultimi 50.000 anni. Coloro che si sono trasferiti su un terreno più elevato dovrebbero aver trovato uno dei pochi luoghi che hanno permesso la loro sopravvivenza e facilitato il loro adattamento.

CERAMICA
Ulteriori test determineranno se questi risultati indicano un legame più chiaro con i nostri antenati africani, una scoperta che Willoughby potrebbe mettere in luce su questa regione della Tanzania diffondendola agli altri archeologi. "Solo una ventina di anni fa la gente ha riconosciuto che il moderno Homo sapiens aveva in realtà una stirpe africana, prima erano tutti concentrati a guardare il primo Homo sapiens in Europa che apparve solo tardivamente, 40.000 anni fa".

"Ma ora sappiamo che fino a 200.000 anni fa circa, l'Africa era abitata da persone che erano già fisicamente esattamente come siamo noi oggi o molto vicine a noi. Tutto ad un tratto, non è l'Europa ad essere importante in questo periodo, ma è l'Africa. " Il lavoro di Willoughby potrebbe essere il fulcro della potenziale crescita economica della regione.

Dal 2005, quando un ufficiale culturale locale le ha mostrato i siti, ha condiviso informazioni sulla sua ricerca con cittadini locali, scuole e governo, aprendo nuove opportunità di ricerca e cooperazione. Mantiene la regione informata delle scoperte della squadra attraverso poster distribuiti su Iringa, e ha chiesto e accettato l'assistenza di studiosi locali. Ora la comunità sta anche cercando il suo aiuto per stabilire i siti storici come attrazione turistica a beneficio della regione.

DOTT.SSA JENNIFER MILLER ARCHEOLOGA
La Dott.ssa Pamela Willoughby e Jennifer M. Miller sono arrivate in Tanzania per iniziare la nuova stagione di campo 2018 Mentre si prepara ad unirsi a loro, la dott.ssa Katie Biittner ha scritto un post sul suo blog antropologia sulla preparazione di questa stagione di campo:

"Alcuni mesi fa," dice  la dott.ssa Katie Biittner "stavo parlando con un gruppo di studenti dopo le lezioni. Uno di loro disse di aver apprezzato la mia apertura su cose diverse il che mi ha reso ai suoi occhi più "umana". Ho risposto dicendo "Sì, è intenzionale. Il Dr. Biittner e io siamo, se vi piace, aggressivamente umane ".

E' stata una dichiarazione scherzosa, ma poi ci siamo resi conto che era molto più di questo. Era, ed è, il nostro principio guida nell'approccio all'insegnamento e all'antropologia. Antropologia come ... aggressivamente umana, se volete...."

Non è del tutto un caso che le antropologhe siano tutte donne. Dimostrare che la nascita dell'umanità sia avvenuta in Africa può dar molto fastidio ai maschi, più facilmente cultori di primati della razza bianca, o come degli etero sui gay, o dei maschi sulle femmine. Per essere obiettivi occorre rinunciare agli schemi, e per un maschio è più difficile.

Orbene, non solo discendiamo dalle scimmie, non solo le prime civiltà furono prodotte e guidate dalle donne, ma nacquero nel continente africano e da lì si espansero nel mondo. I nostri avi erano assolutamente africani. Che smacco per la supremazia bianca!



0 commenti:

Posta un commento

 

Copyright 2012 All Rights Reserved Matriarcato e Matriarchy