lunedì 10 giugno 2013

UOMINI CHE ODIANO LE DONNE





Gli uomini odiano le donne, non tutti ma la maggior parte si. Gli uomini odiano le donne, le desiderano, se ne innamorano, ma le odiano.  Non capiscono perchè non abbiano come loro la stessa frenesia che hanno loro di fare sesso, eppure le donne sono molto portate e fare sesso ma non lo fanno a occhi chiusi, devono sapere come e perchè.

Gli uomini pensano che se le donne si concedessero di più loro sarebbero più felici, ma sanno che è falso. Le donne infatti sarebbero disponibili ma gli uomini gli hanno insegnato che se lo fanno sono puttane, per cui le donne non lo fanno, o lo fanno meno di quanto vorrebbero... e poi dicono che sono le donne ad essere illogiche.

Il fatto è che nel matriarcato le donne si concedevano liberamente, poi è arrivato il patriarcato a cui non è andato bene che le donne fossero a capo delle tribù, che fossero le sacerdotesse, o giudici, e matriarche, e guaritrici e sciamane e sagge. Così tolsero loro tutti ruoli ma non andò bene nemmeno così perchè le donne erano pronte a vivere senza uomini ma gli uomini non sapevano vivere senza le donne.

Allora gli uomini le rapirono e le ricondussero in patria, oppure le uccisero. Soffrivano meno a ucciderle che a pensarle altrove, capaci di vivere felici senza di loro. 
Lo fanno tutt'oggi? Si, lo fanno tutt'oggi.




L'UOMO DIPENDE MOLTO PIU' DALLA DONNA DI QUANTO LA DONNA DIPENDA DALL'UOMO


Sapete perchè? PERCHE' IL MASCHIO E' SEMPRE FIGLIO.

Una prova? I maschi si fanno accudire come fossero bambini, e se sono dirigenti si fanno accudire anche dalle segretarie. 
A una donna darebbe fastidio che un uomo mettesse le mani nel loro armadio. Un uomo invece chiede: dove sono i calzini? Dov'è finita la camicia azzurra' E la cravatta rossa?

Alzi la mano chi non ha dovuto cercare al marito le cose nei suoi cassetti, perchè oltre che gli si mette la roba a posto lui non deve fare nemmeno la fatica di guardare la sua roba. Ma non è finita.

A tavola deve essere servito di tutto punto, manca solo che lo si imbocchi. Ci sono mariti che si fanno sbucciare la frutta. Ci sono mariti che non si alzano se manca una forchetta da tavola. Essere figli è la norma, non è l'eccezione, e parlo degli adulti. Del resto essere adulti non è facile, molte persone invecchiano e muoiono senza esserlo mai state.

Il fatto è che spesso i maschi pur essendo figli delle loro partners, vogliono comandare ed essere considerati adulti. Una persona bisognosa può avere un grande valore ma non ne ha se non si riconosce bisognosa e pretende di soddisfare i propri bisogni con la prepotenza. 

La donna è la natura, è la madre e il mistero, lui non può possederla nè comprenderla. Non capisce perchè a volte lei si allontana e allora lui diventa violento.

Già, meno lei ha bisogno di lui, più lui capisce di aver bisogno di lei e diventa violento.

L'uomo è capace di sfidare la morte, solo perchè non ci pensa. Anzi alcuni hanno una compulsione a fare sport periolosi perchè devono sfidare la morte, dimostrare che sono più forti di lei.

Le donne convivono con la morte molto più degli uomini. Quando si ammala una persona cara l'accudiscono, sono loro a vestire i morti, ad entrare negli ospedali, a fare volontariato per le persone malate. Per gli uomini è molto più raro: di solito hanno terrore della malattia, degli ospedali e della morte.



IL DISTACCO DALLA MADRE

Il distacco dalla madre è un'impresa epica, perchè la madre è la Dea, è la Natura, è il mondo dei sentimenti, è l'acqua primordiale, è l'affetto e l'amore, è la difesa e la protezione.

LA GRANDE MADRE
Per la donna è più difficile perchè la madre è tutto, è il latte, è l'affetto, è la cura e la consolazione, tutte cose che l'uomo dà molto meno.

Anche per l'uomo è tutto ma invece lui si distacca prima perchè gli hanno insegnato che lui è molto diverso dalla donna e che vale più della donna, per cui gli conviene crescere e divantare uomo.

Questo si vede già nelle classi inferiori, dove i maschi si uniscono tra loro snobbando le bambine, salvo poi rincorrere le ragazze più tardi.

Ma non è un distacco, è la finzione di un distacco. In realtà per gli uomini è molto più difficile distaccarsi dalla madre, tanto è vero che la cercano tutta la vita attraverso la moglie.

Si potrebbe dire che anche la donna cerca un padre nell'uomo, ma non è così, chiedete ad ogni donna se quando era innamorata non le capitava di prendere un lapsus tra "amore" e "mamma". Moltissime donne chiamano il partner a volte amo' e a volte ma'.

Perchè la donna non cerca il padre, ma cerca sempre la madre. Tanto è cero che in momenti di dolore o di grande incertezza, o stupore, sia gli uomini che le donne dicono: "Mamma mia!" Mai nessuno invoca "Papà mio!".
L'uomo è molto meno autonomo in casa, si fa preparare il piatto, si fa servire come fosse un bambino. Infatti scambia sempre un pasto mal riuscito o un servizio poco accurato per una mancanza di affetto. Un tempo si diceva che un uomo si prendeva per la gola, perchè l'uomo dalla donna cerca cibo e coccole, insomma cerca una madre.

Siccome però alla donna non piace fare da madre a un adulto il maschio si arrabbia. Molte donne dicono di avere un figlio in più, cioè il marito, ma sopportano stoicamente in nome del matrimonio, tappandosi occhi, orecchie e naso, salvo poi a cadere in depressione.

Staccarsi dalla madre è difficile però le donne hanno un vantaggio, e stavolta reale, possono diventare madri. Cioè possono dare ad altri ciò che loro hanno perduto. La maternità è molto più forte della paternità, le donne ssi curano donando, gli uomini si curano prendendo ( o almeno così si illudono).




LA SUPERIORITA' DEL MASCHIO

Non solo la donna si accorge che non esiste, ma addirittura si accorge che l'uomo le è inferiore. Ciò dipende dal fatto che l'uomo viene allevato col compito di essere superiore e forte, senza peraltro dare lo stesso compito alle donne.

A Sparta sia maschi che femmine indulgevano poco ai sentimenti, pronti a battersi per la patria, per la gloria e per dimostrarsi superiori.
Il che permetteva alle donne, quando i mariti andavano in guerra: "Torna col tuo scudo o su di esso." cioè torna da vincitore con le tue armi o muori in battaglia.

 La donna gareggiava con gli uomini, si allenava nelle palestre e andava a caccia. Doveva anch'essa reprimere i sentimenti per patria, gloria e onore. 
Invece oggi si insegna la forza agli uomini e la passività alle donne, per cui le donne mantengono i sentimenti e gli uomini li bloccano. 

Così i maschi diventano macchine di lavoro e non capiscono un tubo della loro anima. In più acquiscono una paura fregata che la donna si accorga del fatto che loro non sono superiori, e soprattutto che si accorgano che privi come sono di sentimenti diventano addirittura inferiori, per cui odiano le donne e fanno di tutto per convincerle che valgono di meno.


Per riassumere:

- GLI UOMINI PENSANO CHE LE DONNE SIANO INFERIORI
- FANNO DEL TUTTO PERCHE' LO PENSINO
- SE LE DONNE NON SENTONO GLI UOMINI SUPERIORI, QUESTI LE ODIANO
- A VOLTE LE STUPRANO PER VENDICARSI DI QUESTA SUPERIORITA' FEMMINILE,
- A VOLTE LE UCCIDONO PERCHE' NON SOPPORTANO L'ABBANDONO.

GLI UOMINI DIPENDONO DALLE DONNE MOLTO PIU' DI QUANTO LE DONNE DIPENDANO DAGLI UOMINI.




ARTICOLI CORRELATI



2 commenti:

margherita on 5 maggio 2015 20:48 ha detto...

Unknown

Anonimo ha detto...

Se tutte le donne trattassero di merda gli uomini la smetterebbero di essere delle piaghe. Madri, prendete i figli maschi a zappate

Posta un commento

 

Copyright 2012 All Rights Reserved Matriarcato e Matriarchy